Il colore dell’anno? Per me è il “Grigio”, punto.

image

Grigio, chiaro, scuro, tendente al tortora o al ghiaccio, perfetto se accostato all’arancio, per scaldarlo un po, oppure contrastarlo al blu e renderlo così ancora più glaciale.
Non ho alcun dubbio sul colore di tendenza di quest’anno, per me è il “Light Grey”. Questo colore mi piace, mi rassicura, mi trasmette un certo senso di ordine e di misura. Elegante e senza tempo, sta bene proprio a tutti? Secondo me si!
Buona Domenica!

Zaira

image

Olivia Palermo. Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

Il colore dell’anno? Per me è il “Grigio”, punto.

Grigio, chiaro, scuro, tendente al tortora o al ghiaccio, perfetto se accostato all’arancio, per scaldarlo un po, oppure contrastarlo al blu e renderlo così ancora più glaciale.
Non ho alcun dubbio sul colore di tendenza di quest’anno, per me è il “Light Grey”. Questo colore mi piace, mi rassicura, mi trasmette un certo senso di ordine e di misura. Elegante e senza tempo, sta bene proprio a tutti? Secondo me si!
Buona Domenica!

Zaira

image

Olivia Palermo. Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

image

Fonte Pinterest

Una domenica di una giornata qualunque

Ci sono giorni nei quali non bisogna per forza essere intellettuamente impegnati, mangiare cose sane e dedicarsi ad attività creative, vero? Viva il dolce far niente quando si può e lasciare che la giornata scivoli via senza troppi pensieri…Questa  Domenica lo è stata così per noi,  in fondo siamo solo nel bel mezzo di due ristrutturazioni ed un quasi trasloco, quindi la priorità di oggi è di assecondare la nostra pigrizia. Mai nei centri commerciali di Domenica!!! Si certo apparteniamo a quella categoria di persone, preferiamo il kmo etc..ma quando i cuochi di casa sono offline ed al Wild West ed al Wiener House offrono un menu baby con intrattenimento pupa, matite colorate ed un piccolo peluche della Trudy da portare a casa….Oggi abbiamo mangiato orgogliosamente solo schifezze, grassi saturi, cibo spazzatura veramente delizioso ed assecondato tutte le multinazionali del mondo…

image

Per rifarci la coscienza siamo passati da Etaly per caricarci di tutta la frutta di stagione: Tarocco Fragolino di Sicilia,  clementine ed ananas ma la verità è che il cinema con i pop corn sarebbero stati perfetti, peccato però che avessero già tolto la programmazione di Masha e Orso…
Buona settimana a tutti… Qui cambiamenti in corso d’opera…

Zaira

image

image

image

Abito MissLittleC
Collana Manifactura Bijoux
Stivali Asso
Collant Calzedonia

E se per natale ti regalassi una casa?

Sarei la persona piu felice del mondo caro! Avremmo dovuto traslocare ad ottobre, ed invece, viviamo ancora tra scatoloni e mobili imballati…non è il massimo passare il Natale cosi, ma trovo sempre il modo di tirarmi su di morale! Dopo aver perlustrato in lungo e largo di negozi virtuali living e show room arredamento, ho scoperto Arredatutto, il qual’è festeggia il Natale con un’iniziativa che si ispira a una delle grandi tradizioni! Il Calendario dell’Avvento. Ogni giorno, dal 1° al 24 dicembre, verrà aperta una casella virtuale contenente uno fra gli oltre 22mila prodotti del catalogo di arredo e di designe

image

http://bzle.eu/arredatutto1-502-au/N1SRYW8HJETL6BQDSK84

Gli articoli verranno via via “svelati” nei giorni che precedono il Natale. Un prodotto al giorno superscontato per sole 24 ore (fino alla mezzanotte del giorno stesso), oppure un buono sconto di importo variabile da utilizzare per l’acquisto degli articoli del catalogo Arredatutto.
Io la trovo un’idea molto carina, vi lascio il link alla landing page, date uno sguardo anche voi!

Notte,
Zaira

http://bzle.eu/arredatutto1-502-au/N1SRYW8HJETL6BQDSK84

Torino Christmas Handmade

Cari amici e lettori, questo post è un invito a tutti voi di immergervi nel clima handmade e creativo che in questo periodo coinvolge l’intera città.
Ed ecco come, al volgere del nuovo anno, nascono delle belle e stimolanti collaborazioni ed eventi, come questo che vi sto per rivelare.
Io ed Enrica, abbiamo pensato di farvi trascorrere il prossimo week end in uno dei laboratori piu creativi ed affascinanti di Torino, di farvi scoprire meravigliose creazioni Made in Italy di altissima qualità. Questa volta le ospiti siamo noi, ovvero, io, con la capsule collection di Natale firmata MissLittleC ed Enrica Fontolan con i suoi affascinanti bijoux I sogni di Lulù.
La location, udite udite, sarà lo storico atelier Luparia sito in via Andrea Doria a Torino.
Segnate in agenda! Nella giornata di sabato 19 e domenica 20, dalle ore 11:00 alle 19:00 vi aspettiamo per trascorrere con voi due giorni nel tempio del fatto a mano ad alto tasso creativo!
Vi aspettiamo numerosi in Via Andrea Doria 19 da Laboratorio Luparia, Torino

I sogni di Lulu

image

image

Mi chiamo Enrica Fontolan e vivo a Torino.
Sono stata definita come “unconventional designer” in quanto, pur avendo intrapreso un percorso di studi e professionale caratterizzato da numeri e regole, la creatività che già da bambina mi portava ad inventare e disegnare gioielli e accessori mi ha spinta a dar vita a I Sogni di Lulù.
La continua ricerca dei materiali, la sperimentazione cromatica, l’equilibrio e l’armonia delle forme rendono le mie creazioni uniche e riconoscibili.
Penso e creo bijoux e borse per donne che amano osare e sentirsi libere dalle regole e dagli schemi imposti dal “fashion system”.
Realizzo a mano pezzi unici e a tiratura limitata che rispecchiano la mia passione per la moda, la creatività e il design.
I miei occhi osservano, la mia mente filtra e genera sogni che poi si realizzano attraverso le mie mani…tutto questo è I Sogni di Lulù.

I bijoux I sogni di Lulù sono stati apprezzati da Vogue Accesories; il gioiello “Tam Tam di tamburi” é stato selezionato dal prestigioso concorso nazionale “Ridefinire il gioiello 2015” arrivando in finale.

MissLittleC

image

image

Sono Zaira Chambers e MissLittleC sta per piccola Chambers ovvero mia figlia Victoria. Da mamma e blogger l’ho pensata come una esigenza da colmare da un’idea che si faceva sempre più concreta man mano che lavoravo come account. Il mio passato da modellista e consulente stilistica mi vociferava sempre che avrei dovuto lanciarmi nell’impresa, ed ora eccola qui! MissLittleC è articolata in piccole flash collection stagionali di soli abiti per bambine dai 2 ai 6 anni. Pezzi unici rigorosamente Made in Italy nei tessuti ed accessori italiani di alta qualità. Interamente disegnata, progettata e pensata da me.
L’obiettivo che mi ero prefissata era di realizzare dei capi di buona fattura, italiani, e che avessero un giusto rapporto di qualità e di prezzo.
I bottoni sono realizzati dallo storico bottonificio Bonfanti ed i bijoux e monili da Manifactura Bijoux. Una sinergia e patnership interamente torinese.
La mia primaria fonte ispiratrice come anticipato é la mia piccola Victoria, poi la storia della nostra famiglia, le origini inglesi e il mio spirito romantico e sognatore che si è affinato negli anni lavorando come consulente per dei grandi brand di “kids collection”
Volevo una collezione che fosse romantica ma al tempo stesso pratica e versatile.

I capi MissLittleC sono attualmente in esposizione in Galleria San Federico per l’evento I Love It a Torino. Il marchio MissLittleC rientrerà tra i 20 artigiani inseriti nella guida Slow Fashion 2016 di Torino.

Il rispetto e la fiducia si insegnano da piccoli

image

Vorrei vederla dormire sempre così eppure so bene che il suo sonno sereno da bimbetta presto svanirà.
Pensavo di avere ancora del tempo per iniziare a preoccuparmi delle sue prime delusioni,  dei suoi primi dispiaceri ed insuccessi. Ed invece ecco che i “guai” bussano alla porta prima del previsto.
“Mamma non voglio piu andare a danza, mi hanno detto che non so fare gli esercizi”
Io occhi sbarrati ed incredula. Partendo dal presupposto che a quattro anni piu che rotolarsi a palla e correre buttando le braccia di qua e di la non credo che le altre bambine siano dotate di chissà quale tecnica, ma io dico, è possibile essere vittima di bullismo da parte dei propri compagni a questa età? 
A mio parere la responsabilità va ricercata nella famiglia. La danza insegna la fiducia negli altri meglio di qualunque altra disciplina, avrò scelto male la scuola? Insomma, siamo in piena crisi. Che fare quindi? Costringerla ad affrontare la situazione? Cambiare scuola? Parlare con l’insegnante? Comunque sia, la pupetta non ne vuole piu sapere.
Io avevo sei anni, disegnavo molto, e venivo presa in giro dai compagni di classe. Mi si diceva che i disegni non erano fatti da me, che non sarei mai diventata una pittrice. Ve lo assicuro, certe cose non si dimenticano, rimangono scalfite nella memoria. Per un bambino l’autoaffermazione in un ambiente è importante, l’esclusione dal gruppo di appartenenza ne mina la fiducia. Non è questo che voglio insegnare a mia figlia. Ma il rispetto, per se stessi e per gli altri. Vorrei proteggerla per sempre ma la vita non va così, quindi, vorrei fornirla degli strumenti adatti per difendersi e farsi valere, a testa alta, sempre.
Mamme all’ascolto cosa ne pensate?

Buona notte♡
Zaira

Torino città creativa

image

Torino da il via alla prima edizione di City of Design ed alla costituzione di un vero e proprio sistema aperto a tutti i cittadini, proponendo una serie di incontri dal 4 all’8 dicembre.
Torino città creativa Unesco, un bel colpo per la nostra città che dimostra di essere una fucina creativa in rapida ascesa.
Inserito nel programma di City of Design si colloca I Love IT, la Galleria delle meraviglie del design italiano autoprodotto, aperta dal 2 dicembre e per tutto il mese, in contemporanea con l’inaugurazione del nuovo punto vendita Fiorfood di Nova Coop, all’interno della prestigiosa Galleria San Federico.
I Love IT è un progetto ideato dalla CNA Torino nel 2011 con il sostegno di Unipol Sai nell’ambito del comitato regionale del Piemonte.
Fino al 31 dicembre, presso I Love It saranno presenti otto produttori artigiani della città metropolitana nei settori fashion, ceramica artistica, arredamento, vere eccellenze del Made in Italy.
Per citarne alcuni, saranno in mostra, i gioielli di Manifactura Bijoux, le porcellane di Madre Natura, le borse di Rebelt, la stufa della linea Stack Stove ideata dallo studio di design dei fratelli Davide e Gabriele Adriano che nel 2014 ha ottenuto la menzione d’onore al Compasso d’oro ADI.
Inoltre, I Love IT, è ora pronto a fare sinergia con Fiorfood, i quali nei prossimi giorni, calendarizzeranno insieme, un ciclo di incontri per la scoperta dei mestieri artigiani che si svolgeranno presso lo “Spazio Lux” presente all’interno del punto vendita Fiorfood.

http://www.ilove-it.org
http://www.slowfashionitalia.it
http://www.contemporaryarttorinopiemonte.it

Tag: Cna, Fiorfood, I love it, Nova Coop, Torino, Artigianato, Handmade, Made in Italy

Denim is attitude!!!

Partiamo dal presupposto che un capo in denim, che sia un jeans, una giacca, una camicia, o altro, non si butta mai!
Il denim è molto piu che un tessuto, non ha tempo, spazio, storia, sia adatta, si personalizza e si indossa. La nostra personalità attraversa e attraverso quella tela di cotone trattata e colorata, traspare e compare al mondo.
L’attitudine di come indossiamo un capo in denim conta piu di tutto il resto, che sia vintage o appartenuto al fratello più grande, poco importa. È la nostra coperta di linus, il capo che ci conforta.
Diventa divisa da lavoro, tempo libero, tutto quello che vogliamo. È simbolo di libertà, di autenticità ed appartenenza. Non a caso nei periodi di forti crisi economiche, compare sulle passerelle di tutto il mondo.
Dopo l’interessantissimo intervento di Nicola Formichetti, direttivo creativo di Diesel, presso il Circolo dei Lettori di Torino per la rassegna Voce del Verbo Moda,
ho cercato su Pinterest qualche immagine interessante passando dallo Street Style di Tokyo e L.A., alle passerelle di moda internazionali, per capire meglio quali saranno le prossime tendenze in fatto di denim!
Oversize, tagli e colori chiari, vita alta in pieno stile anni ’80!
Il denim non ha età e non ha tempo, non ha appartenenza culturale né sociale, è il vero capo intramontabile da sempre.
Date un’occhiata a queste immagini, qual’è il vostro preferito? Qual’è la vostra “attitude” ?

A presto,
Zaira.

image

image

image

image

image

image

image

Tutte le immagini sono tratte da Pinterest.

Unique Pieces. La ricerca dell’unicità

L’esigenza di indossare un capo unico unita al desiderio di contraddistinguersi e differenziarsi dall’omologazione. Allontanarsi da una mercificazione della moda, troppo brandizzata. Indipendentemente dall’essere torinesi doc, questa è l’ultima vera tendenza nella moda.
Oggi l’artigianalita è a portata del grande pubblico, le botteghe non sono più i bugigattoli dove l’artista/artigiano si rifugiava, ma diventano uno spazio espositivo e commerciale Open Air. Il design parla una lingua comprensibile e di facile lettura senza cadere nell’ovvio, connubio ed interazione diventano le nuove prerogative del Made in Italy.
Seguo quasi dal suo nascere il progetto I Love It, ed oggi sono andata a curiosare come al mio solito in Galleria San Federico a Torino.
Contenta e più che soddisfatta nel non essere smentita, ho conosciuto due brands del quale mi sono subito innamorata.
Trasformazione ed arte manifatturiera per tobeMad, borse in pelle dai tagli e colori decisi, creati da Mad Bertello. Guardate questo gioiellino che ho fotografato? All’occorrenza si trasforma anche in zaino!

image

Mad Bertello indossa una sua creazione TobeMad

image

Un outfit perfetto se a completare il tutto ci pensa Lorella Greco con .
Gioielli contemporanei, vere sperimentazioni. Forme uniche ed imperfette e per questo motivo bellissime.
Il metallo, filo conduttore della sua ricerca, viene lavorato, portato al massimo fino a raggiungere il suo limite di plasmabilità, ovvero il secondo prima che precede la sua completa fusione e dissolvenza, per essere fermato lì in quel momento.
Et voilà, guardate che meraviglia!

image

Fino al 31 Ottobre in Galleria San Federico, Torino.

A presto,
Zaira

Mamme Acrobate? No, solo multitasking!

Ok, parliamo di colui che ha definito per la prima volta la donna multitasking:
1) sicuramente era un uomo, una donna non si sarebbe mai sognata di affibbiarsi un titolo che l’avrebbe condannata per sempre ” guarda come sono multitasking, lavo, stiro, scrivo, palleggio i figli, lavoro, non si dica mai che sto a casa a fare niente… la Rex cerca ancora di brevettarci

2) non ha tenuto conto dei livelli settoriali di rem/ magazzino e reso…

3) la casa è un luogo, un oggetto, non uno status di vita, esiste anche chi la utilizza come nascondiglio o luogo di  lavoro

4) il punto 3 non è una barzelletta

5) se vi chiedete perché dopo un mese il mio primo post è descritto in 5 punti così sintetici…stiamo combattendo contro i germi giá da dieci giorni e nel frattempo sto insegnando a mia figlia che Barbie non è solo bellissima e perfetta ma che il suo Ken, quando torna a casa la sera, le chiede con tutto l’amore del mondo: -“Cosa c’é per cena?” -“Budino caro, quello della Cameo”

A presto,
Zaira

image